Mattia Bianucci Trainer: MULTISPORT: Perchè parlo poco del NUOTO?

Aiutami a far crescere il sito con una piccola donazione. Grazie! ;)


"AIUTAMI A FAR CRESCERE IL SITO CON UNA PICCOLA DONAZIONE. GRAZIE! ;)"

lunedì 15 gennaio 2018

MULTISPORT: Perchè parlo poco del NUOTO?

Buonasera a tutti cari amici!

E' forse perché non so nuotare? Assolutamente no, anzi, tutt'altro! Il nuoto è uno sport meraviglioso a cui mi ci dedico periodicamente in lunghe sessioni aerobiche di vasche a stili alternati; è tra i più completi che esistano... preso singolarmente. E cosa significa? Significa che, appunto in un contesto di MultiSport e in ottica di "trasferibilità allenante", ha ben poco da offrire alle altre discipline, se non il beneficio di alleviare il carico sulle articolazioni e fortificare i distretti muscolari superiori, andando a migliorare, in parte, l'assetto posturale - con un'azione di allungamento della colonna.

Anche il canottaggio e soprattutto il più approcciabile indoor rowing, come sport a basso impatto hanno tutte le caratteristiche di attività complete proprie del nuoto, ma con un immenso vantaggio: lavorano l'addome, ma soprattutto le gambe in un modo che il nuoto non potrà mai fare, oltre che le fasce muscolari superiori come, se non di più, del nuoto stesso.

(HIIT Tabata 20/10 al remoergometro)

E' soprattutto questo marcato lavoro di gambe a renderlo un perfetto supplemento a bici e corsa. Ci tengo a ricordare che in linea di massima, il rapporto tra tempo di corsa e bici è di 3,5, dove, a parità di sforzo percepito, 30' di corsa equivalgono all'incirca a 105' di bike, mentre il rapporto canottaggio indoor e corsa è di 0,75-1. Da qui è già possibile intuire quale sia il valore in trasferibilità allenante del Rowing.

Questo significa che un triatleta dovrebbe smettere di praticare nuoto? Niente affatto! Molto più semplicemente, dico che l'indoor rowing allena in maniera coordinata, in un unico gesto funzionale, tutti i settori muscolari sollecitati nel NUOTO-BICI-CORSA, col massimo vantaggio di arrivare a toccare intensità molto prossime alla corsa con un'attività a basso impatto. Un triatleta che aggiunga un protocollo di "coordinazione" supplementare al remoergometro è un triatleta in grado di allenare simultaneamente le tre discipline.

Si scrive MultiSport e si legge Triathlon

Teoricamente è così, ma in realtà c'è di più. Questo termine, in senso molto più lato, indica la capacità di combinare assieme in una stessa sessione di allenamento più discipline sportive, oppure dedicare singoli giorni della settimana a una determinata specialità. Questi combinati possono risultare da diverse formule, come ad esempio sono solito fare:

* NORDIC WALKING SPORTIVO - CORSA MEDIA - NORDIC WALKING SPORTIVO > per allenare corsa corsa e sci di fondo. Completamente sostituibile ad una seduta lunga di sola corsa.

* NORDIC RUNNING (combinazione di lavoro di braccia in alternato come nello sci di fondo alla corsa) > per allenare sci di fondo e tutti i tipi di corsa; ha lo stesso valore come lavoro di "coordinazione" dell'indoor rowing.

* In estate, al mattino molto presto: SALTO CON LA CORDA - MTB - CORSA PROGRESSIVA

* CORSA LUNGA COLLINARE + BALZI in salita in tecnica NORDIC RUNNING.

* In indoor: ROWATHLON: Remoergometro - Bike - Corsa - Scale
Variante 2: Remoergometro - Corsa - Bike - Salto con la corda
Variante 3: Remoergometro - Bike - Salto con La corda


Ovviamente, il nuoto (vedi piscina) è molto più accessibile alla maggior parte delle persone di quanto non lo sia un remoergometro, (e men che meno un "centro canottieri"), che tra l'altro richiede un certo livello di abilità coordinativa e gestione della tecnica di remata, non così intuitiva come potrebbe sembrare.

In conclusione, lunga vita al nuoto! Uno sport fantastico per tutti coloro che sono alla ricerca di un'attività fisica completa da molteplici punti di vista, per chi proviene da altri sport con l'obiettivo di recuperare da un infortunio, per chi ha problemi di sovraccarico articolare e, infine, per tutti quelli a cui corsa e affini non piacciono proprio.
Per tutti gli altri, ricordate che il nuoto è uno sport "fine a se stesso" (in rapporto alla trasferibilità allenante con altri sport), dall'alta specificità; per cui non aspettatevi di sviluppare, attraverso la sola pratica natatoria, fiato e resistenza organica utili per correre o andare in bicicletta a certi ritmi, in quanto, salvo rarissime eccezioni, potreste rimanere alquanto delusi.

E per oggi è tutto!

Salutandovi vi invito a condividere questo articolo se vi è piaciuto e a contattarmi se avete delle domande! 
Iscrivetevi alla **NEWSLETTER** qua a destra per ricevere tutti gli aggiornamenti!!



Nessun commento: