Mattia Bianucci Trainer: giugno 2021

Aiutami a far crescere il sito con una piccola donazione. Grazie! ;)


"AIUTAMI A FAR CRESCERE IL SITO CON UNA PICCOLA DONAZIONE. GRAZIE! ;)"

martedì 29 giugno 2021

ALLENATORE PODISMO E RUNNING ALESSANDRIA - Personal Fitness Trainer Novi Ligure

sabato 19 giugno 2021

PERSONAL FITNESS TRAINER COACH AD ALESSANDRIA [Fitness su Misura a Novi Ligure]

 


💊 LE PILLOLE DEL COACH - Q&A 💊
“Ciao Mattia!
Sono un podista di 47 anni con una certa esperienza nella corsa su strada, su distanze dai 10km fino alla maratona; la mia domanda è questa.. è possibile, e qui uso un termine che ribadisci sempre - “trasferire” questo “background” di preparazione atletica al mezzofondo su pista, per “giocare” e sperimentare un po' su distanze dai 1500m ai 3000m?”
Grazie mille
F.
MBT: Quando decidi di “diventare” un atleta di mezzofondo, o almeno di esplorare un mondo della corsa che presenta sfide e ricompense ricche e varie tanto quanto quelle del mondo della corsa su strada, ci sono alcuni punti da tenere in considerazione...
Potete leggere la risposta completa su #MyOwnWorkoutTV nella sezione Community a questo link:

mercoledì 16 giugno 2021

DIETA CHETOGENICA E RUNNING 💊 [Personal Fitness Trainer Alessandria - Running Coaching Novi Ligure]



Lo studio in questione, appena pubblicato su Medicine & Science in Sports & Exercise, proviene da un gruppo dello Sports Performance Research Institute New Zealand presso la Auckland University of Technology, guidato dal dottorando David Shaw. Non è uno studio perfetto, ma ha alcuni punti di forza notevoli rispetto a molte ricerche relative alla dieta: uno studio “randomizzato” con un rigoroso controllo della dieta e un periodo di 31 giorni per adattarsi alla dieta sconosciuta. E affronta una domanda molto semplice ma atleticamente importante: si diventa piu' veloci su una dieta chetogenica, che è progettata per insegnare al vostro corpo a contare quasi esclusivamente su grassi e chetoni (un carburante supplementare che il corpo produce in quasi assenza di carboidrati)?
Alcuni dettagli: lo studio è iniziato con 10 atleti di endurance maschi ben allenati, tutti maratoneti sub-3:30 che corrono più di 30 miglia a settimana, nessuno con esperienza precedente con una dieta chetogenica. Due di loro non sono riusciti a rispettare le condizioni dello studio, quindi l'analisi finale comprende 8 soggetti. Tutti i soggetti, in ordine casuale, hanno completato due protocolli di 31 giorni: uno consumando le loro diete normali, l'altro su una dieta chetogenica, con una serie di test fisiologici e di prestazioni prima e dopo ogni blocco da 31 giorni.
Le diete normali, per questo gruppo di persone avevano una media del 42,9% di carboidrati, 38,5% di grassi e 18,6% di proteine. Gli obiettivi prescritti per la dieta chetogenica erano meno di 50 grammi al giorno di carboidrati, 15-20 % delle calorie da proteine e 75-80 % da grassi. I soggetti hanno ricevuto gratuitamente olio di cocco, olio d'oliva, cereali LCHF e frutta e verdura scontata, e i loro rapporti dietetici sono stati attentamente monitorati. Hanno concluso per avere una media di 34 grammi di carboidrati al giorno (4,1 % delle loro calorie), con il 77,7 % di calorie dai grassi e il 18,2 % da proteine. Gli esami regolari del sangue e delle urine hanno confermato che i soggetti erano davvero costantemente in chetosi.
C'erano due valutazioni di base: un test su tapis roulant in progressiva accelerazione, che ha permesso ai ricercatori di misurare il VO2max allo sfinimento e anche di valutare l'efficienza in una gamma di diverse velocità mentre il tapis roulant accelerava, mentre l'altro era una semplice corsa fino all'esaurimento al ritmo equivalente al 70 % del VO2max, che i soggetti avrebbero potuto mantenere in media per circa quattro ore (significativamente più lento del ritmo maratona, che è in genere qualcosa intorno all'80 % del VO2max). Durante la corsa fino all'esaurimento, hanno ricevuto una bevanda sportiva a base di carboidrati (durante la prova di dieta normale) o una bevanda artificialmente dolcificata con lo stesso numero di calorie da olio di cocco (durante la prova chetogenica).
Nel test di efficienza, non c'era alcuna differenza tra le diete a velocità di esercizio inferiori - corrispondenti circa al 60 % del VO2max. Una volta che il ritmo è salito al di sopra del 70 % del VO2max, tuttavia, i corridori in dieta chetogenica sono diventati significativamente meno efficienti: avevano infatti bisogno di più ossigeno e più energia per sostenere un determinato ritmo. Il loro VO2max stesso, cioè la quantità massima di ossigeno che potevano usare al minuto, è rimasto lo stesso con entrambe le diete, ma 👉 la velocità a cui potevano correre mentre consumavano l'ossigeno era inferiore con la dieta chetogenica👈.

giovedì 10 giugno 2021

Le ULTRAMARATONE e il medico sportivo: "Capisco chi vuole provarci ma correre più di 100 km non fa bene"

 


💊 Dottor Massimo Massarini, lei è scialpinista, ciclista e podista. Da medico dello sport, le super maratone fanno bene o male alla salute?
"Dire che facciano bene mi è molto difficile, perché ci sono tre aree di rischio: cardiovascolare, muscolo-tendinea e articolare. Per la prima, ci sono studi medici che dimostrano come l'ultra-endurance provochi a livello cardiaco aree di sofferenza con lesioni temporanee o anche irreversibili. A livello muscolo-tendineo, il sovraccarico può causare infiammazioni e lesioni mentre lo sforzo sottopone a usura anche l'apparato articolare e scheletrico. E non solo. Uno sforzo così prolungato produce grandi quantità di radicali liberi che possono provocare invecchiamento e danno cellulare".

PER LEGGERE L'ARTICOLO COMPLETO SU "LA REPUBBLICA" CLICCA QUI

domenica 6 giugno 2021

💊 SISTEMI ENERGETICI E TIPI DI FIBRE MUSCOLARI PER LA RESISTENZA 💊 [Personal Trainer Alessandria - Personal Fitness Coach Novi Ligure]

 



Ci sono due sistemi energetici principali e due tipi distinti di fibre muscolari coinvolti in tutti gli esercizi di resistenza.
Il sistema energetico di gran lunga più importante da allenare per la resistenza è il vasto sistema aerobico di combustione dei grassi. Il tipo di fibra muscolare più associato alla capacità di bruciare i grassi è la fibra muscolare a contrazione lenta di tipo I. La fibra muscolare di tipo I è fatta per continue contrazioni a bassa potenza in presenza di carburante e ossigeno, ed è più rossa delle fibre muscolari a contrazione rapida perché ha molta più mioglobina, che è una variante a base muscolare fissa della stessa emoglobina rossa, proteina ricca di ferro presente nei globuli rossi.
L'emoglobina è la proteina che lega l'ossigeno nei globuli rossi. I muscoli a contrazione lenta hanno meno proteine contrattili (actina e miosina) delle potenti fibre a contrazione rapida, ma molti più mitocondri. I mitocondri sono organelli di dimensioni di un batterio che producono energia negli organi, nelle ghiandole e nei muscoli e che generano energia dal metabolismo aerobico del grasso o del glucosio.
Ci sono due tipi principali di fibre a contrazione rapida di cui dobbiamo preoccuparci nell'atletica, e solo uno di essi è fortemente associato al potenziale di resistenza.
La fibra a contrazione rapida più coinvolta per la resistenza è la fibra muscolare a contrazione rapida di tipo IIA. Questa è la seconda fibra muscolare a contrazione rapida più potente. È la più associata alla contrazione potente dai 20 secondi ai 2 minuti, e per fare questo genera rapidamente potenza dalla scomposizione del glucosio con ossigeno (glicolisi aerobica) o senza (glicolisi anaerobica).
Con l'allenamento aerobico di resistenza, si attivano i geni che permettono la proliferazione dei mitocondri nella fibra muscolare IIA, così come un grande aumento degli enzimi aerobici, in modo che la fibra muscolare IIA acquisisca qualità aerobiche resistenti alla fatica. Si attivano anche i geni che permettono l'angiogenesi, o la crescita di nuovi vasi sanguigni, in tutta la muscolatura di tipo IIA, in modo che molto più ossigeno e carburante possano essere consegnati nel muscolo, e molta più anidride carbonica e prodotti di scarto acidi – riescano ad essere rapidamente rimossi.


mercoledì 2 giugno 2021

PERSONAL TRAINER ALESSANDRIA - FITNESS COACH SU MISURA A NOVI LIGURE


Come recupero attivamente nella settimana dopo una Mezza Maratona podistica? Tra i vari protocolli del mio arsenale MultiSport - ad esempio, con il vogatore-remoergometro!

In questo allenamento guidato/vlog, troverete alcune mie impressioni post gara e qualche Pillola del Coach qua e là! :D
Auguro a tutti i miei allievi in possesso di un vogatore, buon allenamento! 😎


PER PROGRAMMI DI ALLENAMENTO SU MISURA PERSONALIZZATI, CONTATTATEMI QUI


MI TROVATE ANCHE SU: